“MISTERO BUFFO E ALTRE STORIE”

HO VISTO RE FOTO 4HO VISTO RE FOTO 4
HO VISTO RE FOTO 6HO VISTO RE FOTO 6
HO VISTO RE FOTO 5HO VISTO RE FOTO 5
HO VISTO RE FOTO 7HO VISTO RE FOTO 7
HO VISTO RE FOTO 3HO VISTO RE FOTO 3

di Dario Fo

con Marina De Juli

Uno spettacolo ricco di brevi racconti, poesie e soprattutto fabulazioni da “Mistero Buffo”, una delle più importanti e conosciute opere di Dario Fo, nelle quali si riscoprono i personaggi della Bibbia secondo una cultura e una sensibilità popolare, più umani che divini, sanno piangere, ridere, amare e ribellarsi. 

Così Maria in  “Maria sotto la croce” è una madre che si ribella e lotta per salvare il figlio; ne “Le nozze di Cana” Cristo è un uomo che invita tutti a saper gioire fino in fondo della bellezza della vita. E ancora ne “Il primo miracolo di Gesù bambino”, Gesù è un bimbo uguale a tanti altri, straniero in terra straniera, che si sente solo, ha difficoltà a rapportarsi con gli altri ragazzini del luogo che non lo accettano perché forestiero, e che si inventa un gioco bellissimo, un miracolo, per farsi voler bene.  Un omaggio ai miei due maestri, giullari dei nostri tempi, Dario Fo e Franca Rame, che hanno per una vita raccontato la nostra storia, sbeffeggiato il potere, cercato di ridare dignità agli umili.

Hanno scritto

“Ho visto un re”: “Le burle della “giullaressa” De Juli

… Marina presta voce al mondo degli umili e dei vinti, esprimendone in tono allegro e canzonatorio tutta la sensibilità e restituendo loro quella dignità che la storia aveva tolto.

… Una professionalità rara quella della De Juli che riunisce tutte le doti proprie della figura teatrale: canta, danza al suono di nacchere, cambia sovente cifra linguistica, offrendoci un vero e proprio excursus nel panorama dialettale italiano, attuale e letterario, ma soprattutto dà vita ad una folla di personaggi mai uguali, mai ripetitivi, attraverso una mimica che sorprende e non fa rimpiangere l’assenza di altri attori in scena o l’ausiglio di strumenti scenici.

“Ho visto un re”: Brava Marina “giullaressa” all’Olmetto

… Sola sul palco con tre grandi marionette di cartapesta, la De Juli si trasforma in una moderna “giullaressa” passando con brio e naturalezza dai raccordi autobiografici ai racconti popolari, dall’italiano al grammelot, il fantastico miscuglio di dialetti padani e suoni onomatopeici… Registri diversi, dalla comicità alla tragedia, che la De Juli affronta con un virtuosismo temperato da una forza espressiva carica di sincerità…

“Ho visto un re”: “Straordinaria Marina”

… E’ certamente un raro piacere per il cronista teatrale documentare l’apparizione di un’ultima importante scoperta: una giovane attrice di razza che, dopo anni di impegno accanto ai due maestri, sta rivelandosi in tutta la sua autentica bravura…

… Marina ha saputo dare voce e gesto alla miriade di personaggi del grande “Mistero Buffo”, con una padronanza dei propri non comuni mezzi da suscitare talvolta, un autentico entusiasmo tra i numerosi cultori del duo Fo-Rame.

“Ho visto un re”: Brava Marina, giullare di Dario Fo

… Occhi azzurri, vivaci e spiritati, capelli rossi un po’ scarmigliati, gonnellone colorato, sorriso contagioso: una donna priva di falsi pudori, libera, un po’ Peter Pan, un po’ sognatrice… il ritratto della baccante, di una strega, di una giullaressa del passato… o di Marina De Juli… che ha il grande merito di non essere scivolata nel rischio più facile e più comune, l’imitazione pedissequa del maestro… ma ha reso un’interpretazione originale e personalissima dei testi di Fo.