GHIGNAD, IL RAGAZZO ALBERO

DSC05283DSC05283
DSC05217DSC05217
DSC05198DSC05198

Di e con Marina De Juli

In uno stile quasi Rodariano in rima libera, si racconta la storia di Ghignad un ragazzo buffo tutto capelli e lentiggini che fa sorridere tutti e vive in un paese nel quale ci sono solo anziani.

Ghignad ha una caratteristica particolare: due lunghi piedi che gli impediscono di correre. Questo non è mai stato un problema per lui, finché dei ragazzini, sfollati dalla città a causa di una “malattia bislacca”, glielo fanno notare e per questo non lo accettano nel gioco.

Improvvisamente Ghignad si sente un “diverso” e si vergogna di quei piedi che fino ad ora aveva portato con orgoglio. Triste, piange in mezzo al bosco mentre gli alberi cominciano a conversare con lui. Dopo un primo momento di sorpresa, Ghignad li ascolta raccontare la loro vita, la loro società, paragonata a quella degli umani.